Diabete in cammino... prevenire e curare

Diabete in cammino... prevenire e curare

“Diabete in cammino...prevenire e curare” è un’ultramaratona a tappe e, nello specifico, un percorso a piedi, di circa 120 km, frazionati in 4 giorni.
Questo progetto è stato una naturale conseguenza di un’iniziativa già avviata dalla Diabetologia di Oristano: quella di camminare insieme ai pazienti per un’ora circa, due volte al mese.
Col trascorrere del tempo, si creò autonomamente un gruppo di pazienti ed amici che continuò a camminare tre volte la settimana.
Questo affiatamento ed entusiasmo, fece sviluppare una nuova idea: quella di portare , in prima persona, pazienti e staff della diabetologia, la testimonianza dell’importanza dell’esercizio fisico come strumento di terapia, nel territorio provinciale.
Allargare la rete delle persone informate su questo importante strumento fu possibile grazie al coinvolgimento delle amministrazioni e delle comunità dei paesi attraversati dal gruppo dei camminatori.
E così tra i mesi di Aprile e Maggio, prima, la provincia di Oristano, e successivamente anche le altre province sarde, vedono il gruppo percorrere sterrati, strade, campagne, per portare in prima persona l’esperienza e condividere i benefici che l’esercizio fisico, praticato con costanza, dà.
Il gruppo, variegato, è composto da circa 30 persone, diabetici e non (dal giovane al signore ultra settantenne) più lo staff medico, che insieme camminano per ore e ore, trovandosi a darsi sostegno l’un l’altro nei momenti di difficoltà.
Il programma giornaliero solitamente prevede: sveglia presto, partenza alle 8:30, pranzo al sacco, arrivo al paese di destinazione la sera. Ore 20:30 allegramente a cena tutti insieme per poi, nel dopo cena, riflettere sulla giornata, confrontandosi insieme allo staff medico sulle problematiche e conquiste giornaliere.
È veramente entusiasmante constatare come in questi quattro giorni si crei un affiatamento ed una fiducia “medico-paziente” che va aldilà del rapporto professionale, ponendo le basi per un confronto senza giudizi.


Stampa   Email